Mohammad Reza Shajarian, il Maestro di musica tradizionale iraniana è morto l'8 ottobre 2020 all'età di 80 anni presso l'unità di terapia intensiva del Jam Hospital di Teheran, lasciando un profondo dolore all'Iran e al resto del mondo. Nel marzo 2016, Shajarian ha rivelato di avere un cancro ai reni negli ultimi quindici anni. È apparso con i capelli rasati nel suo video di congratulazioni di Nowrouz, pubblicato sul suo account YouTube.

Oggi è un giorno tragico per il mondo della musica, la musica e la cultura iraniane hanno perso una delle sue più grandi icone. Il maestro ci ha lasciato. Solo una manciata di figure nella storia dell'Iran è ampiamente venerata, amata e rispettata come Shajarian. Un cantante iconico della musica persiana, era la voce della nazione. Con la sua arte Shajarian ha espresso in modo meraviglioso e coerente i dolori di tutti gli iraniani e persiani in tutto il mondo.

Il cielo è in lacrime, la terra è triste e i venti si sono fermati poiché la sua anima ci ha lasciati. Un grande uomo che rappresenta la sua cultura e arte nel mondo e sta al fianco del suo popolo contro l'ingiustizia!

Mohammad-Reza Shajarian (persiano: محمدرضا شجريان; pronuncia persiana: [mohæmːæd ɾeˈzɒː ʃædʒæɾiˈɒːn], 23 settembre 1940 - 8 ottobre 2020) è stato un iconico maestro di vocalist (Ostad) della musica tradizionale persiana. Shajarian era anche noto per le sue abilità nella calligrafia persiana e nelle attività umanitarie. Si è riconosciuto come abile cantante nello stimolante stile tradizionale Dastgah. Nel 1999 l'UNESCO in Francia gli ha conferito il Premio Picasso e nel 2006 la Medaglia Mozart dell'UNESCO. Nel 2017, il Los Angeles Times lo ha citato come "il più grande maestro vivente di musica classica persiana" e nel 2010, è stato selezionato tra le 50 migliori voci migliori del mondo da NPR, è uno dei maestri più nobili della musica iraniana e persiana nella storia.

Il Maestro è fondatore di alcuni strumenti musicali persiani e del gruppo di musica tradizionale persiana “Shahnaz”. Uno dei suoi capolavori "Prayer of Rabana" è registrato come opera del tesoro nazionale dall'Organizzazione iraniana per i beni culturali, l'artigianato e il turismo.

Shajarian ha iniziato la sua carriera di cantante nel 1959 a Radio Khorasan (Mashhad, Iran), salendo alla ribalta negli anni '60 con il suo stile di canto distinto. Ha citato il leggendario solista di catrame persiano Jalil Shahnaz come molto influente per il suo sviluppo, indicando che ha spesso cercato di imitare lo stile di gioco di Shahnaz nel suo canto.

Shajarian ha ravvivato la musica tradizionale iraniana con il suo stile di canto, che è salito, piombato in picchiata e trillato su poesie note da tempo messe in canto. Ma gli ultimi anni della sua vita lo hanno visto costretto a esibirsi solo all'estero, dopo aver sostenuto coloro che hanno sfidato la controversa rielezione del presidente della linea dura Mahmoud Ahmadinejad dicendo alla radio di stato di smettere di usare le sue canzoni.

"Dopo quello che è successo, ho detto, 'assolutamente no' e ho minacciato di sporgere denuncia contro di loro se avessero continuato a usare la mia musica", ha detto Shajarian all'Associated Press nel 2009.

Nel settembre 2009, pochi mesi dopo le elezioni, Shajarian ha cantato "Zaban e Atash o Ahan", che si traduce dal farsi come "Il linguaggio del fuoco e del ferro. In esso, il cantante supplicava: “Metti giù la pistola. Vieni, siediti, parla, ascolta. Forse la luce dell'umanità raggiungerà anche il tuo cuore ".

Alcune parti provengono dalle risorse seguenti:

https://apnews.com/article/tehran-mahmoud-ahmadinejad-iran-elections-8699f964723814ee6895c6830589c1a8

https://en.wikipedia.org/wiki/Mohammad-Reza_Shajarian


The Maestro flew to meet the heavens

Mohammad Reza Shajarian, The Maestro of Iranian Traditional Music passed away on 8 October 2020 at the age of 80 at intensive care unit of Jam Hospital in Tehran and left a deep sorrow on Iran and the rest of the world. In March 2016, Shajarian revealed that he has had kidney cancer for the past fifteen years. He appeared with shaved hair in his Nowrouz congratulation video, published on his YouTube account.

It is a tragic day for the world of music today, Iranian music and culture lost one of its biggest icons. The maestro left us. Only a handful of figures in Iran’s history is as widely revered, loved & respected as Shajarian. An iconic vocalist of Persian music, he was the voice of the nation. With his art Shajarian beautifully & consistently expressed the sorrows of all Iranians and Persians around the world.

The sky is tearful, the earth is mournful, and the winds are stopped since his soul has left us. A great man who represents his culture and art to the world and stand beside his people against injustice!

Mohammad-Reza Shajarian (Persian: محمدرضا شجريان‎; Persian pronunciation: [mohæmːæd ɾeˈzɒː ʃædʒæɾiˈɒːn], 23 September 1940 – 8 October 2020) was an iconic vocalist master (Ostad) of Persian traditional music. Shajarian was also known for his skills in Persian calligraphy, and humanitarian activities. He recognized as skilled singer in the challenging traditional Dastgah style. In 1999, UNESCO in France presented him with the Picasso Award and in 2006 with the UNESCO Mozart Medal. In 2017, Los Angeles Times cited him as the "Greatest living maestro of Persian classical music" and In 2010, He was selected between Top 50 best voices of the world by NPR, He is one of the most noble Maestros of Iranian and Persian music in the history.

The Maestro is founder of some Persian musical instruments and Persian traditional music group of “Shahnaz”. One of his masterpieces “Prayer of Rabana” is registered as a national treasure work by the Cultural Heritage, Handicrafts and Tourism Organization of Iran.

Shajarian started his singing career in 1959 at Radio Khorasan (Mashhad, Iran), rising to prominence in the 1960s with his distinct style of singing. He has cited legendary Persian tar soloist Jalil Shahnaz as highly influential to his development, indicating that he has often tried to mimic Shahnaz's playing style in his singing.

Shajarian enlivened Iran’s traditional music with his singing style, which soared, swooped and trilled over long-known poetry set to song. But the later years of his life saw him forced to only perform abroad, after he backed those who challenged the disputed re-election of hard-line President Mahmoud Ahmadinejad by telling state radio to stop using his songs.

“After what happened, I said, ‘no way’ and threatened to file a complaint against them if they continued to use my music,” Shajarian told The Associated Press in 2009.

In September 2009, just months after the election, Shajarian sang “Zaban e Atash o Ahan,” which translates from Farsi as “The Language of Fire and Iron. In it, the singer pleaded: “Lay down your gun. Come, sit down, talk, hear. Perhaps the light of humanity will get through to your heart too.”

Some parts are from below resources:

https://apnews.com/article/tehran-mahmoud-ahmadinejad-iran-elections-8699f964723814ee6895c6830589c1a8

https://en.wikipedia.org/wiki/Mohammad-Reza_Shajarian

 

 
 

Tota Pulchra: Associazione per la promozione sociale

Sede Legale: via della Paglia 15 - Roma (RM)   —   C.F.: 97939900581

IBAN: IT11Q062300503100004053166   —   Codice BIC: CRPPIT2P137

 

Tota Pulchra
Tota Pulchra News
Instagram
LinkedIn
Youtube