Desidero raccontare il mio pellegrinaggio prima del tanto atteso ritorno nella Città Eterna.

Dopo due anni che non vedevo Il Cairo, il Signore mi ha concesso di trascorrere i Giorni della Passione e celebrare la Santa Pasqua qui.

Il Cairo: la città principale dell'Oriente arabo, la più grande metropoli del continente africano e insieme una parte di Terra Santa!

La storia racconta che entro i confini del Cairo, la Sacra Famiglia si nascondeva da Erode.

In questo luogo così afoso percepisco la grande metropoli islamica, tutto questo è così caro al mio cuore di credente russo. (Non è per niente che Padre Nilo assomiglia a Madre Volga).

Sono presenti grandi piramidi alla periferia della città. Al di sopra del Cairo, i suoni filamentosi del namaz da migliaia di minareti. Eppure Il Cairo è NATIVO.

Chi può essere più caro a un cristiano del Salvatore e della Sua Madre Purissima? Ma qui hanno vissuto con San Giuseppe, pacificamente e silenziosamente, nascondendosi da "coloro che stavano cercando di uccidere il bambino".

Poi, molti anni dopo, il Salvatore fu ancora ucciso. Ma lontano da qui a Gerusalemme. Ed eccolo risorto! E i luoghi sacri del Cairo respirano con il ricordo del suo pacifico sogno d'infanzia, delle fatiche e delle cure della Santissima Madre ...

CITTÀ DI SAN MARCO.

Le sacre reliquie dell'apostolo ed evangelista Marco si trovano nel sacro riposo al Cairo.

Il corpo di Cristo Apostolo per molti secoli, dopo che i Veneziani lo portarono segretamente ad Alessandria, era a Venezia, nella Cattedrale di San Marco. La stessa Repubblica di Venezia portava il suo nome da più di mille anni!

Il compianto Papa Paolo VI ha già compiuto oggi un gesto di buona volontà meraviglioso e veramente cristiano. Il Santo Padre ha restituito le reliquie dell'Evangelista nella terra dove predicava. Dove ha compiuto la sua impresa per il Cristo risorto!

Il Signore mi ha dato, indegno, di nuovo in questi giorni di Pasqua, dopo due anni di separazione, di inchinarmi davanti alla tomba piena di grazia e di pregare con l'Apostolo.
Gloria al Risorto per tutto!

IL CAIRO - la città di MARTIRO GEORGIO VITTORIOSO.

Oggi era un giorno speciale durante la settimana luminosa (così si chiama la settimana dopo Pasqua). Memoria del grande martire Giorgio il Vittorioso. È il santo patrono sia della nostra capitale russa che di quella egiziana.

Qui, nell'antico forte romano di Babilonia, nell'attuale area del Vecchio Cairo, Giorgio il Vittorioso prestò servizio come ufficiale. Qui ha ricevuto la corona del martire e ha dato la sua vita terrena per il Nome di Cristo, per la causa della salvezza. Ecco una cella angusta dove ha trascorso le sue ultime notti terrene. Qui sono ancora conservati gli strumenti di terribili torture a cui fu sottoposto. E sopra questa torre si trova ora la Cattedrale di San Giorgio. E in esso c'è la meravigliosa Icona Miracolosa del Vittorioso. Che ha più di mille anni. E a cui vanno e vengono persone da tutto il mondo.

Il servizio meraviglioso è stato qui ... Le campane, presentate dal Patriarca di tutta la Russia Kirill, suonarono con un ronzio argenteo. Con che fervore hanno pregato oggi i greci, i russi e gli arabi!

Che grazia aveva l'Immagine Miracolosa e il luogo dell'impresa del Grande Martire, sotto il Tempio! Ho pregato e chiesto oggi, lì, soprattutto per i Giorgi a me noti, e per tutti coloro che mi sono cari, che vivono in un'altra città di San Giorgio - nella nostra capitale Mosca.

E dopo - sul Nilo!

Nella grande opera Aida di Giuseppe Verdi suona il meraviglioso coro Alle Sacre Rive del Nilo. Quando navighi lungo il Nilo su una feluca, il tipo più antico di barca a vela, questo canto si fa sentire nel cuore. L'alba della sera, il vento leggero e il caldo di 42 gradi rimasero sulla riva. "Corrente sovrana" del più grande fiume del nostro pianeta. Quindi vuoi stare da solo più a lungo sulle onde del Nilo-padre. Grazie per tutto Dio con la sua inscrutabile saggezza!

Vorrei anche parlarvi un po' del luogo sacro chiamato MAADI.

MAADI .. C'è un tale sobborgo nel Cairo senza dimensioni. Sulle rive del Nilo, idilliaci canneti, isolotti, campi fertili sono ancora conservati lì ... Anche prima della Natività di Cristo, questo luogo era onorato: qui, secondo la leggenda, la figlia del faraone trovò un bambino, Mosè, le onde.

E quasi un migliaio e mezzo di anni dopo, una barca salpò qui e un'umile e bella Vergine con un Bambino in braccio arrivò sulla riva a Maadi. Con un uomo anziano adatto a Lei come padre. È così che la Sacra Famiglia ha messo piede nella terra santa del Cairo. Il Salvatore del mondo, il Nuovo Mosè, non sono più solo gli israeliti della prigionia egiziana, ma porterà tutta l'umanità fuori dalla schiavitù del peccato e dall'ombra della morte. Per molti secoli i pellegrini hanno visitato l'antica chiesa a tre cupole, per molti secoli i cristiani hanno pregato e contemplato i gradini dell'antico molo, lungo il quale la purissima Theotokos camminava e portava l'Agnello di Dio ...

Il Signore mi ha dato durante la settimana luminosa alla mia indegnità a pregare qui. Nell'antica chiesa copta, ho visto un miracolo dei nostri giorni: la Bibbia, che navigava lungo le acque del Nilo fino a questo antico molo. Aperto!!! In quella pagina era aperta la Bibbia, dove diceva "Benedetta è la MIA nazione, gli egiziani".

MERAVIGLIOSE LE OPERE DEL NOSTRO DIO RISORTO!

E ho salutato il continente africano alle Grandi Piramidi di Giza. E il giorno dopo ho visto la Città Eterna. Piazza San Pietro. Colosseo. E tanto cara al cuore, amata Cattedrale di Santa Maria Maggiore! Gloria al Dio Risorto per tutto! La Capitale Apostolica, la beata Roma eterna, ha aperto le sue braccia.

Ora sto guardando fuori dalla mia finestra il mio amato tempio romano, la Basilica della Regina del Cielo - Santa Maria Maggiore. Dove è custodita la Culla del nostro Salvatore, dove l'immagine miracolosa del Purissima è glorificata da molti miracoli. Fresco e umido fuori dalla finestra. Sorprendentemente piovoso e freddo questo maggio romano ...

E il ventimilionesimo Cairo ei suoi santuari prendono vita nella memoria. La città dove visse il Divino Bambino. Giza. Aria fusa, foschia afosa intorno alle grandi Piramidi e alla Sfinge. Ho davvero visto tutto questo solo due settimane fa ... Quanto sembra lontano dalle mura del mio caro Russicum!

 

 

di Alexej Ganzha

 

Il museo egiziano al Cairo

Tota Pulchra: Associazione per la promozione sociale

Sede Legale: via della Paglia 15 - Roma (RM)   —   C.F.: 97939900581

IBAN: IT11 B031 2403 2170 0000 0233 966   —   Codice BIC: BAFUITRRXXX

 

Tota Pulchra
Tota Pulchra News
Instagram
LinkedIn
Youtube