C'è un luogo fuori le mura di Roma, oggi poco visitato, pieno di grazia, pace, serenità e pensiero di Dio Cristo; allo stesso tempo, questo luogo custodisce le perle dell'arte paleocristiana. Si tratta delle catacombe dei Santi Martiri Pietro e Marcellino e dell'attiguo Mausoleo della Regina Elena, pari agli Apostoli. Il mausoleo fu costruito un tempo dal figlio della Santa Imperatrice, Costantino il Grande.

L'imperatore uguale agli apostoli voleva riposare accanto a sua madre. Ma il Signore ha giudicato diversamente... Sappiamo poco dei martiri romani Marcellino e Pietro. Furono martirizzati per aver confessato il Salvatore sotto Diocleziano. La storia di papa Damaso è nota - mezzo secolo dopo la persecuzione, già dopo l'Editto di Milano, il papa disse di aver appreso personalmente dell'esecuzione dei martiri - dal loro carnefice. Si chiamava Artemy .. Questo Artemy, sotto l'influenza di coloro che fu costretto a giustiziare per volere delle autorità, fu lui stesso battezzato e anche martirizzato per la sua fede in nostro Signore. I martiri Pietro e Marcellino furono sepolti nelle catacombe, ormai note da tempo, nelle campagne, dette “tra due allori” (“inter duas lauros”). Sia prima che dopo l'esecuzione dei santi Pietro e Marcellino, qui furono sepolti molti martiri cristiani, che preferirono l'Eternità nel momento fatidico della scelta, piuttosto che prolungare ad ogni costo i loro giorni terreni...

Fu papa Damaso a disporre qui un monumentale decoro marmoreo, un'ampia scalinata e appositi corridoi per i pellegrini. Poi, nel IV secolo, qui apparvero stupefacenti affreschi sulle pareti dei cubicoli (camere sepolcrali di gruppo). Questi affreschi mescolavano motivi pagani, ebrei e cristiani. Qui, insieme a Orfeo che suona il flauto, ci sono scene dell'Antico e del Nuovo Testamento. Ecco quasi le prime immagini al mondo della storia del profeta Giona e dell'Epifania e della adorazione dei Magi (è interessante che siano raffigurati solo due Magi - la tradizione ecclesiastica di raffigurare esattamente i tre Magi apparirà in seguito). Le catacombe non sono state esplorate fino in fondo.

Più recentemente, circa 15 anni fa, è stata scoperta una grandiosa fossa comune, circa ventimila persone. Il primo-secondo secolo d.C. Esiste una versione secondo cui si tratta di cristiani uccisi sotto il mostro Nerone con l'accusa diffamatoria di aver dato fuoco a Roma. Tanto sangue, sofferenza, dolore e abnegazione, tanta focosa confessione della nostra Fede sono collegati ai corridoi di queste catacombe decorate con dipinti. Tuttavia, alla fine, quando trascorri alcune ore qui la domenica, senti la pace della mente, quella che è più preziosa di tutti i tesori terreni; e pace, e luminosa speranza, e quieto amore di Cristo. Non c'è da stupirsi se nostro Signore ha detto che l'albero è conosciuto dai suoi frutti!

Qui, secondo il frutto spirituale che la preghiera dà nelle catacombe, possiamo sempre conoscere sia la potenza invincibile che la santa Verità dell'albero vivificante della nostra santa Fede. Gloria per tutto al Capo della Verità, il Signore Gesù per sempre. Amen.

 

di Alexej Ganzha

 

 

Tota Pulchra: Associazione per la promozione sociale

Sede Legale: via della Paglia 15 - Roma (RM)   —   C.F.: 97939900581

IBAN: IT11 B031 2403 2170 0000 0233 966   —   Codice BIC: BAFUITRRXXX

 

Facebook
Instagram
LinkedIn
Youtube