Un’altra iniziativa di rilievo è stata organizzata da Tota Pulchra per quest’ultimo Natale: un concerto con artisti di fama internazionale in uno dei “gioielli sconosciuti” di Roma, la chiesa di Santa Maria dei Sette Dolori a Trastevere, nella storica via Garibaldi, La chiesa fu costruita accanto al monastero delle oblate agostiniane, il cui Ordine venne fondato, intorno al 1640, dalla filantropa Camilla Virginia Savelli Farnese, duchessa di Latera (sepolta tuttora nel tempio); la progettazione dell'edificio fu affidata al “genio triste” del Barocco romano, Francesco Borromini, che, però, nel 1655 dovette interrompere i lavori per mancanza di fondi. Le oblate agostiniane svolgevano un’intensa attività caritativa e assistenziale: nel 1969, poi, la Congregazione per i Religiosi unì questa comunità delle agostiniane di Santa Maria dei Sette Dolori all'Istituto delle Suore oblate del Santo Bambino Gesù, mentre una parte del complesso monasteriale col tempo è stata trasformata in albergo.

In apertura, Madre Agnese Pascaletti, delle Suore Oblate del Bambino Gesù, ha illustrato brevemente la storia della chiesa e del monastero delle Oblate, da sempre attive in missioni umanitarie in Brasile. E sempre dal Brasile provenivano due importanti talenti musicali esibitisi in apertura: la giovane Flávia Correia, soprano operante con l’International Brazilian Opera Company, responsabile culturale per Tota Pulchra al Complesso del Cristo Redentore di Rio de Janeiro (col quale Tota Pulchra ha in corso un’importante partnership) e l’altrettanto giovane violinista Carlos Ranieri, dal vasto repertorio musicale (dal classico e lirico al rock, pop e musica elettronica). Accanto a loro, la pianista moldava Marina Ciubotaru, collaboratrice, tra gli altri, dell’Ambasciata Moldava a Roma e dell’associazione culturale “Maison des artistes”.

Dopo l’intervento di Mons. Jean - Marie Gervais, Presidente di Tota Pulchra, che ha fatto rapidamente un bilancio dell’attività dell’associazione nel 2022, guardando ai progetti per il nuovo anno, la serata è proseguita con la consegna delle nomine a Soci Onorari al Marchese Giovambattista Scuticchio di Nirano Foderaro Boca del Giudice, Presidente di Urbe Foundation, e alla consorte, Contessa Larisa Reihl Arthurovna Galiandina, e degli attestati ai vari collaboratori e amici dell’associazione che han partecipato all’organizzazione dell’iniziativa. Due, gli attestati di iscrizione a Tota Pulchra, consegnati. Gli altri, attestati di partecipazione, sono stati consegnati a Gladys Rosado, titolare del marchio “Giemme Hat Montecristi”, produttrice dei celebri cappelli Panama (che, nonostante il nome, da sempre vengono realizzati soprattutto da artisti dell’Ecuador, con tecniche antiche); Gloriya Sadikova, pittrice kazaka, realizzatrice anche di gioielli artistici (uno dei quali, orecchino dall’armonioso design, è stato dato in premio alla vincitrice della lotteria organizzata dall’associazione); Alexandra Tercero, ecuadoriana, mediatrice culturale e organizzatrice di varie iniziative; Ivan Ramirez, pittore, del Costarica che s’ispira fortemente al realismo di Caravaggio e William Bouguerau. E ancora, Valentina Ughetto, giornalista collaboratrice di varie testate (che ha velocemente presentato il suo libro, “De Velo, quattro generazioni di artisti alla ribalta”, storia della filodrammatica. De Velo, compagnia con forte personalità formatasi, nei secoli scorsi, interpretando le opere goldoniane e avente come unici maestri il palco e il pubblico).

Erano presenti personalità del mondo della cultura e rappresentanti di corpi diplomatici: tra cui Cande David Reyes, per l’Honduras. Nonché Mario Tarroni, Direttore artistico di Tota Pulchra, Aldo Azzaro, Presidente di North2North e dell’Associazione Utenti dei Servizi Radio Televisivi, Paride Febbo, dirigente della Protezione Civile, Eugenio Parisi, giovane giornalista, Anna Avelli, poetessa, Erminia De Paola, manager di Case famiglia per disabili, Lucrezia Lopresti, giovane collaboratrice di Tota Pulchra, e altri.

Le offerte raccolte son state direttamente inoltrate a sostegno delle missioni umanitarie svolte in Brasile dalla Congregazione delle Suore Oblate del Bambino Gesù. Ad ogni invitato sono stati offerti in omaggio una candela augurale della storica cereria romana Di Giorgio (attiva sin dal 1908) e un buono sconto per l’ osteria trasteverina “Cacio e Pepe”. Si ringrazia infine Pronto Musica, North2North, i Pianoforti Di Marco, la Tenuta Fontana per il pregiato vino, l’Azienda Agricola Tenute del Molise per l’olio.

 

Foto dell'evento

 

di Fabrizio Federici

Tota Pulchra: Associazione per la promozione sociale

Sede Legale: via della Paglia 15 - Roma (RM)   —   C.F.: 97939900581

IBAN: IT11 B031 2403 2170 0000 0233 966   —   Codice BIC: BAFUITRRXXX

 

Facebook
Instagram
LinkedIn
Youtube